mercoledì 26 settembre 2012

Il mio nuovo sito Web











La felicità che ti cresce nel cuore

Dopo mesi di una tristezza profonda nel cuore, a volte anche insensata, mi trovo a svegliarmi con la gioia nel cuore e questo mi rende un po' più serena la vita. Dopo, però, subentra sempre quella sensazione, o meglio paura, che questo "magico momento" finisca.

So anche che, nel contempo, bisogna saper vivere al momento e dunque approfittare di questi momenti fino a quando c'è l'occasione di averli.

Vi auguro una serena giornata,
Giulia

lunedì 5 marzo 2012

Le incomprensioni

A volte le incomprensioni sono in grado di rovinarci una giornata e spesso anche la vita stessa. Io sono una che ama confrontarsi con chi gli sta vicino anche se a volte il discorso sfocia in una discussione animata, ma l'importante è, alla fine, aver chiarito.
Non amo lasciare le cose in sospeso.

Buona giornata

martedì 24 gennaio 2012

Volutamente senza titolo...

...proprio così, in questo momento non sarei in grado di dare un titolo a quello che scrivo. Ho la mente talmente piena di pensieri che non riesco a metterne a fuoco nemmeno uno. Ho un misto di emozioni che mi mette in crisi con tutto e tutti. Vorrei, vorrei e vorrei, ma cosa posso realmente fare? O meglio, cosa VOGLIO realmente fare?
Mi sembra di essere un po' persa, di non aver chiaro, in questo momento della mia vita chi sono, cosa faccio, cosa voglio fare e chi voglio essere.
Sono in preda ad una sorta di crisi di identità.
Sembra idiota, ma tutto questo è partito da un salasso di bolletta del riscaldamento.
Questo mi ha stoppata di colpo, ha fermato le mie proiezioni nel tempo, mi ha messo in crisi, nel portafogli, ma soprattutto nell'anima e le persone che mi stanno attorno non mi aiutano.
Buon martedì.

martedì 10 gennaio 2012

Quelle giornate un po' così

Oggi è una di quelle giornate in cui tutto sembra scorrere davanti agli occhi e tutto mi rimane indifferente. Mi sembra di essere seduta su di un treno mentre guardo dal finestrino, indifferente, il paesaggio che cambia di continuo.


Ora vorrei stare su una panchina in mezzo al verde, lì, ferma ad osservare il niente. Sguardo perso nel vuoto ed i pensieri che si inseguono nella mia mente senza mai scontrarsi. Ce ne sono da pensare, ce ne sono eccome, eppure si va avanti perchè c'è sempre chi sta peggio di noi.


In questo periodo della mia vita non posso lamentarmi di niente e devo essere felice, devo approffittarne, fino a quando può durare questa situazione.


Mi capitano spesso queste giornate così "filosofiche"; il mio cervello è in continuo movimento, sempre agitato e sempre pronto ad inseguire chissà che idea. In queste giornate vorrei solo essere sola in mezzo alla natura ed invece sono qui, in un ufficio, in uno spazio chiuso e non troppo riscaldato. Sono qui, ma la mia mente è molto lontano, altrove.




foto tratta da: gdlfotografie